RSU 1 aprile 2019

 

Disamina documento vestizione/svestizione La RSU rigetta la proposta aziendale sulle modifiche presenti nel documento per l’attribuzione dei tempi di vestizione/svestizione in quanto è stato valutato un solo parametro indicatore (orario prenotazioni CUP) tralasciando tutte le varie attività svolte nelle unità operative e delle rispettive organizzazioni (prevalentemente nei servizi H12 ed H24).

 

Documento organizzazione del lavoro
La RSU ribadisce alla Asl alcuni punti fermi:
• i turni di PD dovranno essere predisposti prevedendo un massimo di 6 turni mensili, il superamento di 6 turni NON PUÒ ESSERE PREVISTO DA UNA ORDINARIA PROGRAMMAZIONE DEI TURNI e che comunque non potranno essere previsti più di 10 turni mensili; l’indennità sarà maggiorata del 100% dalla 7^ alla 10^ PD.

 

• La RSU ribadisce la necessità di prevedere 5 minuti di flessibilità anche  per il personale turnista, fermo restando il debito orario giornaliero.

 

Vigilanza video sorveglianza
Si chiede di ripristinare in c.da Casalena la presenza H24 del servizio vigilanza e garantire lo stesso servizio ovviamente H24 anche nei PS periferici.
In aggiunta si rileva la necessità di conservare le registrazioni video per maggior tempo rispetto alle 24h attuali portando il tempo ad una settimana al fine di permettere l'individuazione di eventuali infrazioni.
Si chiede anche di allarmare tutte le porte di uscita di sicurezza presenti nel 4 PP.OO.


Fasce orizzontali
La RSU chiede di utilizzare i resti del fondo delle progressioni economiche dando la possibilità alle categorie “penalizzate” lo scorrimento della graduatoria.

 

Trasporti/118
La RSU chiede di verificare:
• che l’accesso alle POA dei Trasporti secondari siamo garantite a tutto il personale che ne ha fatto richiesta compreso il personale che lavora nei servizi h6 ed h12.
• che ci sia un equa distribuzione dei turni
• che si dia una volta per tutte regolarità al pagamento dei compensi (se necessario anche modificando l’iter amministrativo)
• posizionare i marcatempo in tutte le postazioni 118 per poter eliminare anche il controllo OIV che risulterebbe a quel punto superato e non necessario

 

ATTIVAZIONE POA
Si ribadisce l’urgenza della riattivazione delle POA

Si ribadisce l’urgenza della pubblicazione dei bandi di mobilità per i DSB, la Direzione Sanitaria la mobilità OSS e l’apertura delle procedure di assegnazione degli incarichi di organizzazione e di funzione ( ex posizioni organizzative, ex coordinamenti)

*#NurSindTeramo*

#NURSIND INFORMA Rsu 28 gennaio 2019


Nella giornata odierna presso l’aula convegni del P.O. di Giulianova si è tenuta la RSU.

 

1) Come primo punto all’ordine del giorno c’è stata la disamina sull’interpretazione dell’articolo 86 del nuovo CCNL. Come sapete ad oggi riuscire a prendere le indennità che siano di 3 turni che di 2 è molto difficile. Tanti i colleghi che hanno visto ridotta la busta paga in questi mesi a causa di di questa norma che RICORDO NURSIND NON HA FIRMATO.
Abbiamo chiesto all’azienda la sospensione ed il ritorno al vecchio metodo di calcolo in attesa della interpretazione autentica da parte dell’ARAN che speriamo possa essere migliorativa rispetto alle condizioni attuali.

 

2) abbiamo istituito un tavolo tra RSU per revisionare il regolamento della libera professione da portare all’attenzione dell’azienda.

 

3) a seguito di una circolare emessa dalla direzione nei giorni di neve nel nostro territorio nella quale si “invitava” il personale reperibile a rimanere in azienda si chiedono lumi e soprattutto con quale istituito un dipendente debba restare ( timbrando 2?? )

 

4) abbiamo ribadito la necessità di individuare personale di supporto nelle 24 ore per trasposto malati, materiale biologico ecc...

 

URGENTEMENTE

 

5) solleticata la mobilità del personale verso i D.S.B, mobilità OSS e bandi in sospeso come quello del cade manager

 

6) richiesta da parte dell’RSU dell’individuazione delle unità operative aventi diritto all’indennità di sub intensiva ( NCH, nefrologia, DH oncologico ecc ecc)

 

7) in merito allo scatto di fascia abbiamo chiesto venga applicato l’arrotondamento per eccesso nelle graduatorie (questo influisce maggiormente laddove ci sono 2/3 dipendenti in quel profilo). Abbiamo chiesto come da accordi presi di produrre il BANDO PER LO SCATTO DI FASCIA ANNO 2019.

 

 *IMPORTANTE*
Abbiamo chiesto come NurSind l’applicazione per i turnisti del turno *5+2* come previsto da CCNL

Delegazione trattante 4 Dicembre 2018

 

 

 

1. *Indennità di turno*
La poca chiarezza del nuovo CCNL continua a fare danni, nonostante tutto continuiamo a lottare per difendere il salario di tutti i lavoratori ed i loro diritti.  Siamo riusciti a strappare alla ASL l’impegno di formulare un nuovo interpello all’ARAN per via delle diverse interpretazioni  sull’indennità di turno, che comunque ha deciso di applicare il CCNL in riferimento all’interpretazione già inoltrata alla nostra ASL riservandosi comunque di erogare gli arretrati qualora la nuova richiesta abbia una risposta diversa e migliorativa rispetto all’attuale. 

2

. *Scatto di fascia*
Si chiede la possibilità di girare parte del fondo della produttività  sul fondo fasce per dare la possibilità sin da quest’anno di prendere la fascia a tutti quelli non sono rientrati nel 2016, così come per il 2019 si chiede lo spostamento del 15% del fondo produttività per assegnarlo a quello delle fasce. 

 

3. *Richiesta maggiorazione oraria delle ore prese come recupero orario* 
Siamo riusciti a strappare un accordo alla ASL di pagamento in *AUTOMATICO* delle stesse senza più bisogno di procedere alla richiesta protocollata con arretrati di 5 anni (dal 01 nov 2013 al 31 dic 2018) entro il mese di aprile 2019, dal prossimo 01 gen 2019 tutto sarà a regime come previsto contrattualmente. 

 

4. *Organizzazione del lavoro* 
Qui il punto dolente, tante le proposte fatte e condivise all’unanimità con la RSU, purtroppo la maggior parte stralciate dall’Azienda, su alcuni punti siamo riusciti a tenere botta tanto che il documento ha ancora delle parti in sospeso da riesaminare a breve come ad esempio la flessibilità orari di 5 minuti per il personale turnista ed il capitolo sulle Pronte Disponibilità, tanto ancora il lavoro da fare per mantenere alcuni diritti come il riconoscimento come tempo di servizio delle consegne (che sembra vogliano togliere, e qui speriamo di sbagliarci) e tanto lavoro per conquistare l’equità per tutti i dipendenti come ad esempio sul servizio mensa. 

Tutto sarebbe più facile se queste nostre battaglie fossero sostenute anche da chi si erge a paladino della giustizia ma poi lotta solo per il possibile trascurando ciò che è giusto.
Firmare un CCNL così non significa difendere i lavoratori, anzi, l’unico modo per farlo era quello di chiedere spiegazioni a tempo debito e sopratutto prima di firmare un contratto definito da tutti gli addetti ai lavori *IL PEGGIOR CONTRATTO DI SEMPRE*
Il NurSind continua a lottare per i lavoratori, anche nell’ombra perché "IL SINDACATO CHE AMO LOTTA PER IL GIUSTO NON PER IL POSSIBILE"

#nursindteramo

Incontro RSU 16/11/2018

NurSind informa 
Oggi 16 novembre si è tenuto l’RSU aziendale

 
Come primo punto all’unanimità si approva lo spostamento del 15% della produttività ( 80/90 euro per dipendente )per incrementare il fondo delle fasce in previsione di un nuovo scatto di fascia già nel 2019. 

In delegazione trattante il 4 dicembre sarà premura della nostra organizzazione sindacale chiedere delucidazioni sulle indennità di due e tre turni. Sappiamo che questo contratto scandaloso che CGIL CISL e UIL hanno firmato ci taglia le gambe ma NOI non molliamo un centimetro 

 

Situazione parcheggi:

Il NurSind chiede all’azienda risposte certe sulla gestione del parcheggio, sia libero che multipiano. La riduzione drastica del numero di parcheggi liberi ha reso impossibile trovare stalli liberi costringendo i dipendenti ad uscire di casa con netto anticipo rispetto all’orario di ingesso a lavoro. 

Chiediamo un tavolo tecnico urgente con l’azienda per rivedere tale gravosa situazione.

 

La seconda parte della riunione sindacale si è tenuta sull’analisi del piano di organizzazione del lavoro. Le tante modifiche che abbiamo apportato saranno discusse il 4 dicembre prossimo in sede di contrattazione decentrata con i vertici aziendali. Alcuni passi del piano proposto dall’azienda non possono e non saranno mai accettati dal NurSind in quanto hanno come unico scopo quello di privare i lavoratori di diritti fondamentali

Incontro delegazione trattante 18/10/2018

 

 

1) Fasce
La disponibilità del fondo per l'attribuzione della fascia per l’anno 2018 è di circa 690.000€ con il quale si riesce a coprire circa il 35% del personale,
per coprire tutti i dipendenti che non hanno preso la fascia nel 2016 cioè il 56% occorrono circa 1 milione di euro, mancano circa 310.000 euro che NON possono essere trasferiti dal fondo della produttività per l’anno 2018, quindi il fondo verrà distribuito x intero ai dipendenti.

 

A breve verrà pubblicato sul sito aziendale il bando per l'attribuzione delle fasce economiche.

 

Consapevoli dell’importanza dello scatto di fascia era impensabile pensare di bloccare la procedura è rinviarla al 2019 ma sin da subito abbiamo preso l’impegno di programmare un nuovo bando per le progressioni economiche per il 2019.

 

2) Comunicazioni ARAN art. 59 e 86 del CCNL che purtroppo conferma quello che NurSind temeva cioè che il numero necessario di mattino/pomeriggio/notte per percepire l’indennità è aumentato con la firma del nuovo CCNL (NurSind NON HA FIRMATO QUESTO CONTRATTO)ci attiveremo affinché si trovi il compromesso di maggior favore per i turnisti.

 

3)Su proposta NurSind è stata fatta formale richiesta di valutare la posizione dei coordinatori ff per le indennità spettanti e contestualmente abbiamo richiesto alla ASL la proposta sugli incarichi organizzativi (ex coordinatori)

Incontro RSU 13/09/2018

Nella giornata odierna si è svolto l’incontro RSU. 
 

Primo punto all’ordine del giorno verteva sulle progressioni orizzontali.
L’RSU all’unanimità  ha approvato il nuovo regolamento per poter procedere il prima possibile alla pubblicazione del bando. 
Sarà nostra premura valutare in altra sede la capienza del fondo per capire con esattezza la percentuale di dipendenti alla quale verrà assegnata la fascia superiore cercando di accontentare il maggior numero di dipendenti. 
 

Secondo punto all’ordine del giorno sulla reperibilità al personale del CED, come da accordi presi in delegazione trattante l’RSU concede tale proroga fino al 31 dicembre 2018
 

Terzo punto all’ordine del giorno l’organizzazione dell’orario del lavoro del personale sociosanitario, le RSU all’unanimità chiede che tale orario venga equiparato al personale infermieristico. 
 

Quarto punto all’ordine del giorno per l’ennesima volta l’RSU chiede all’azienda l’applicazione del regolamento sulle sostituzioni dei coordinatori  e contestualmente chiede l’apertura di un tavolo per poter definire le nuove posizioni. 
 

Tra le varie ed eventuali il NurSind ha chiesto l’istituzione di un servizio per la pulizia trasporto e stoccaggio della biancheria sporca negli spogliatoi dell’Asl di Teramo e  un altro servizio per il trasporto del materiale biologico cartaceo e trasporto pazienti ( Servizio navetta tra i reparti  )

Incontro RSU 26/7/2018

Nella giornata di ieri si è svolta la prima “delegazione trattante” tra la ASL, la RSU e le sigle sindacali firmatarie del nuovo CCNL 2016/2018.

 

Come ben sappiamo il NurSind si è rifiutato di firmare questo contratto, *IL PEGGIOR CONTRATTO DI SEMPRE* ed è per questo che la presenza alla delegazione trattante ci è stata concessa solo come componenti eletti RSU e non come firmatari del CCNL e di questo ne siamo orgogliosi visto che sin da subito, *COME ERA OVVIO PER CHI AVEVA LETTO IL CONTRATTO VERGOGNA* , si sono evidenziati non pochi problemi e disagi legati proprio all'applicazione del nuovo contratto, e ci dispiace preannunciarvi (anche se lo avevamo già fatto durante la firma del CCNL con lo sciopero, e durante la campagna delle elezioni RSU) che ci saranno tante novità peggiorative per le condizioni di lavoro e in alcuni casi addirittura economiche... dal canto nostro cercheremo di difendere come abbiamo sempre fatto i diritti dei lavoratori con tutti i mezzi che la legge ci mette a disposizione e le prerogative sindacali che non potranno mai toglierci... AVANTI TUTTA! *#nursindeunpassoavanti*

 

I punti discussi in delegazione sono i seguenti:
 

1. Approvazione del piano formazione.
2. La mensa: NurSind da anni si batte per l’erogazione a tutti dipendenti della mensa anche con una causa che ci vede in cassazione. Riteniamo che in una azienda non ci siano dipendenti di serie A e di serie B ma che se si istituisce la mensa sia corretto (come prevede il CCNL) fornire il servizio a tutti i dipendenti  “Qualora la prestazione di lavoro giornaliera ecceda le sei ore....”
3. Maneggio valori: alcuni dipendenti dell’area amministrativa che lavorano ad esempio il CUP chiedono un’indennità maggiore perché maneggiano soldi e buoni pasto, questo tipo di indennità non è previsto da contratto e ci siamo fortemente opposti all’aumento di tali indennità che ci trasciniamo in quest’azienda da tantissimi anni.
4. Aumento della quota destinata alla reperibilità degli amministrativi del CED: da 10.000 € a 12.000 € da attingere al fondo della produttività aziendale. Proposta che è stata rigettata fermo restando la prosecuzione del progetto iniziato nell'anno 2017 anche per il 2018 con la stessa quantità di fondi.
5. Sospensione delle prestazioni orario aggiuntive (POA): dopo un lungo dibattito siamo riusciti a far ripristinare tale servizio a partire dal 1 agosto 2018 nonostante il nuovo CCNL non preveda questo tipo di attività facendo leva sul fatto che la negoziazione di budget era precedente alla firma del CCNL 2016/2018.
6. Scatto di fascia: i fondi 2017 prevedono la possibilità di scatto per circa il 35% dei dipendenti, si è rimandata la discussione a settembre per verificare la nuova normativa in materia e verificare la possibilità di rimpinguare il fondo per poter arrivare ad una percentuale maggiore superiore al 55%

Incontro RSU 15/06/18

Si è tenuta nella giornata odierna la riunione RSU presso l’aula convegni di Giulianova. 

Il primo punto all’ordine del giorno prevedeva la nomina dei vice presidenti al fine di completare l’ufficio di presidenza. 

 

Dopo una lunga discussione che ha avuto anche dei momenti di forte tensione tra NurSind e la triade compatta nel tentativo di escludere la nostra OO.SS da tale ufficio, la votazione all’unanimità ha eletto Febo Alessio ( NurSind ),Guido De Carolis ( FIALS) Domenico Del Gaone ( cisl ) Davide Cinaglia ( UIL )  che affiancheranno il presidente Delo Tosi ( CGIL ) 

 

Una volta insediata la presidenza sono iniziati i lavori. 
Il NurSind tra le tante proposte ha evidenziato la necessità di sollecitare l’azienda sul pagamento delle indennità fisse di coordinamento FF non pagate da mesi la necessità di indire a breve giro il bando per le funzioni di coordinamento, progressioni  orizzontali per le quali ci siamo battuti affinché lo scatto di fascia avvenga nel più breve tempo possibile e la necessità di rivedere il regolamento dei trasporti secondari e delle POA.

 

  Il segretario amministrativo Nursind Teramo

  Alessio Febo

 

Stampa Stampa | Mappa del sito
© NurSind Teramo Via Galileo Galilei 23 64100 Teramo Partita IVA: